Dopo la guerra

 

  • Regia: Annarita Zambrano
  • Cast: Barbara Bobulova, Giuseppe Battiston, Orfeo Orlando, Fabrizio Ferracane, Charlotte Cétaire
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 100 minuti
  • Produzione: Francia, 2018
  • Distribuzione: I Wonder Pictures
  • Data di uscita: 15 marzo 2018

dopo la guerra

Marco, ex-militante di estrema sinistra condannato all'ergastolo e fuggito in Francia ormai da anni grazie alla dottrina Mitterand, viene accusato di essere una delle menti dietro all'attentato che ha portato alla morte di uno stimato professore universitario, e per questo ne viene chiesta l'estradizione in Italia. Decide allora di non consegnarsi alle autorità italiane e di fuggire in Sud America con la figlia Viola. In Italia intanto, la madre, la sorella e il cognato finiscono al centro dell’attenzione mediatica per via delle sue azioni.

Dopo la guerra: la lunga ombra del terrorismo

"Dopo la guerra", presentato al Festival di Cannes 2017 nella sezione “Un Certain Regard”, dove è stato accolto con un certo calore, è il film d'esordio di Annarita Zambrano, cineasta italiana attiva da anni in Francia, caratterizzata da un certo impegno politico nelle sue opere. In effetti il suo primo film è una pellicola non facile, e tratta il delicato tema del terrorismo, tema che soprattutto negli ultimi tempi, e soprattutto in Francia, riveste un certo peso.

La storia del film si ispira in parte a quella di Cesare Battisti, terrorista italiano degli anni di piombo da anni residente in Brasile, dove è stato anche imprigionato.

"Dopo la guerra" è una co-produzione franco-italiana, e la maggior parte delle scene girate in Italia sono state realizzate a Bologna, dove si ambienta la parte italiana della storia. Protagonista del film è il veterano Giuseppe Battiston, tre volte vincitore del David di Donatello, mentre la protagonista femminile è interpretata da Barbara Bobulova, attrice slovacca da anni attiva in Italia, nota sopratutto per le sue interpretazioni in "Immaturi", "Anime nere" e "I nostri ragazzi".

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *