Diane Lane

Attrice statunitense ex bimba prodigio di Hollywood, Diane Lane è stata una delle teen actresses più promettenti nel panorama hollywoodiano, nel suo percorso artistico ha collezionato candidatura all'Oscar e riconoscimenti che l'hanno resa una stimata e quotata interprete.

Diane Lane, una star “infedele”

(New York City, 22 gennaio 1965)

Diane Lane BiografiaDiane Lane è nata a New York da un insegnante di recitazione e una modella di Playboy, da cui molto probabilmente ha ereditato il corpo mozzafiato. Esordisce nel cinema nel 1979 con “Una piccola storia d’amore” di George Roy Hill, poi viene diretta svariate volte da Francis Ford Coppola ne: “I ragazzi della 56° strada” (1983), vera fucina di attori dal futuro dorato come Tom Cruise, Nicolas Cage, Matt Dillon, Patrick Swayze, Rob Lowe; “Rusty il selvaggio” (1983), con Matt Dillon e Mickey Rourke; “Cotton Club” (1984) con Richard Gere e “Jack” (1996) con Robin Williams. Nel 1984 è la volta di Walter Hill con “Strade di fuoco”; con lui tornerà a lavorare nel 1995 in “Wild Bill”, accanto a Jeff Bridges.

L''amore infedele' di Diane Lane

Nel 1992 è nel cast del film biografico “Charlot”, di Richard Attenborough, dove dà prova di sé un eccezionale Robert Downey Jr.. Nel 1999 è amante di Viggo Mortensen in “A Walk on the Moon – Complice la luna”, di Tony Goldwyn, mentre il 2000 si apre con “La tempesta perfetta” di Wolfgang Petersen, con un bagnatissimo George Clooney. Ma, in controtendenza con le altre attrici americane, il successo vero e proprio arriva dopo i 35 anni, quando la sua bellezza si fa più matura e interessante. È infatti con “Unfaithful – L’amore infedele” (2002) di Adrian Lyne che viene nominata all’Oscar come Miglior Attrice Protagonista, grazie all’interpretazione dell’appassionata moglie che tradisce il marito Richard Gere con l’affascinante amante Olivier Martinez.

Scenari italiani per il successivo “Sotto il sole della Toscana” (2004), girato nella bellissima Cortona, con un Raoul Bova chiuso nello stereotipo del maschio latino; mentre in “Partnerperfetto.com” (2005) si innamora di John Cusack, grazie ai nuovi mezzi di comunicazione. Poi è coinvolta nella crime story ambientata nel mondo dello star system, “Hollywoodland” (2006), con Ben Affleck e Andrien Brody; alla quale seguono il thriller “Nella rete del serial Killer” (2008) e lo spettacolare “Jumper” (2008) con il giovane Hayden Christensen.

La recitazione nella vita di Diane Lane è piombata "Come un uragano"

Sempre nel 2008 ritrova Richard Gere nel romantico “Come un uragano”, prima di entrare nel programma protezione testimoni in “Killshot” (2009) con Mickey Rourke. Nel 2010 è protagonista di "Secretariat", di Randall Wallace. Nel 2013 Diane Lane è la madre di Clark Kent in “L’uomo d’acciaio” di Zack Snyder. L'anno dopo, il 2014, sarà tra le interpreti del film, tratto da un romanzo, "Every Secret Thing", mentre il 2015 e il 2016 la vedranno impegnata in un genere completamente diverso, prima con "Trumbo" diretto da Jay Roach,  che racconta la vita dello sceneggiatore di Hollywood Dalton Trumbo, poi con "Batman v Superman: Dawn of Justice", un film diretto da Zack Snyder.

Nel 2016 inizia le riprese insieme all'attore Alec Baldwin per "Paris Can Wait", film esordio alla regia di Eleanor Coppola, dove interpreta una donna che ritrova se stessa, dopo un viaggio da Cannes a Parigi.

Dal 1988 al 1994 è stata sposata con l’attore Christopher Lambert da cui ha avuto la figlia Eleonora; mentre nel 2004 è convolata a nuove nozze con Josh Brolin, da cui divorzia nel 2013.

Bianca Baraldi

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *