Colin Firth: “Non lavorerò più con Woody Allen”

Durante un’intervista al Guardian, Colin Firth dichiara pubblicamente che non lavorerà più con Woody Allen. Le dichiarazioni sono dovute allo scandalo di cui Allen è protagonista, accusato dalla figliastra Dylan Farrow di aver abusato di lei.

Colin Firth: “Non lavorerò più con Woody Allen”

Colin Firth

L’attore inglese Colin Firth non le manda di certo a dire e si espone pubblicamente, ancora una volta, sullo scandalo delle molestie ad Hollywood. L’attore dichiara di non avere più intenzione di lavorare con Woody Allen, a causa delle accuse mosse al regista dalla figliastra Dylan Farrow, che sarebbe stata molestata all’età di soli 7 anni. Firth e Allen avevano collaborato nella pellicola “Magic in the Moonlight“, in cui all’attore era affiancata l’attrice premio Oscar Emma Stone.

Questa non è la prima volta che Colin Firth decide di dire la sua sullo scandalo di molestie che ha coinvolto e stravolto il mondo di Hollywood da qualche mese. Già settimane fa, infatti, l’attore aveva dichiarato pubblicamente il proprio dissenso verso Harvey Weinstein, che produsse “Il Discorso del Re“, la pellicola che fece vincere a Firth l’Oscar per Miglior attore protagonista.

Le accuse a Woody Allen e la reazione di Hollywood

Le accuse rivolte al regista Woody Allen risalgono, in realtà, al 2014: in quell’anno, Dylan Farrow aveva scritto e pubblicato una lettera in cui spiegava, senza troppi giri di parole, cosa aveva dovuto subire dal patrigno. Successivamente, la Farrow si è detta molto delusa dall’atteggiamento di Hollywood che non avrebbe minimamente cambiato atteggiamento nei confronti del regista, permettendogli di continuare a lavorare nonostante non fosse stata fatta ancora chiarezza sulla questione.

Molto distante dalla reazione di Colin Firth, è stata la risposta dell’attore Alec Baldwin, che in un tweet ha dichiarato che le accuse rivolte a Woody Allen sono “ingiuste e molto tristi” ai suoi occhi. Ha, poi, aggiunto che le tre collaborazioni con il regista sono state per lui tra i più grandi privilegi della sua carriera.

 

Claudia Pulella

19/1/2018

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *