Cars 3: Sabrina Ferilli e J-Ax presentano il film a Roma

Si è tenuta oggi a Roma, presso l’Hotel Parco dei Principi, la conferenza stampa dell’atteso film Pixar “Cars 3”, nelle sale italiane a partire dal 14 settembre. Numerosi gli ospiti intervenuti a presentare il cartoon, dal regista Brian Free alle personalità italiane che hanno prestato  la loro voce ai personaggi: Sabrina Ferilli, J-Ax,  Pino Insegno, La Pina e molti altri.

Cars 3: “Fallire il prima possibile per migliorarsi” parola di Brian Fee e Kevin Reher

Cars 3 conferenza stampa

Il regista Brian Fee e il produttore Kevin Reher alla conferenza stampa di Cars 3, a Roma

L’atteso terzo capitolo della serie Pixar, in cui Saetta dovrà vedersela con l’arrivo di macchine più veloci e tecnologicamente più avanzate, arriverà in Italia non prima di settembre ma, per smorzare l’attesa, il regista Brian Fee e il produttore Kevin Reher hanno incontrato la stampa italiana a Roma, raccontando particolari del film e l’intero processo creativo.

“Abbiamo voluto fare un film sul cambiamento”, spiega il regista. “Quello che più mi ha ispirato è la mia esperienza di padre, diventare genitore è un grande cambiamento, influisce sul tuo modo di essere e sul modo di vedere le cose. Ho cercato di portare questa sensazione anche nel film”.

Tra i temi predominanti del nuovo capitolo c’è appunto il cambio generazionale a cui però Saetta Mcqueen non è ancora pronto e la voglia di dimostrarlo lo porta quasi a rischiare la vita durante una gara automobilistica. Alla domanda se nei film Pixar c’è spazio per la cultura del fallimento, il regista Brian Fee risponde: “E’ la parte più importante del film. Quello che ci rende felici è il vero successo. Sul concetto di fallimento, c’è sempre una fase durante il processo creativo di un nostro film in cui diciamo che è il più brutto mai realizzato, proprio per questo ci lavoriamo su per anni, riscriviamo la sceneggiatura e gli storyboard, tant’è che John Lassiter dice sempre: ‘Fallire rapidamente e farlo il prima possibile’”.

Grande attenzione è stata riservata alle ambientazioni, affermano i due ospiti, il cui desiderio era quello di ottenere una  corrispondenza realistica tra le location del film e i paesaggi della Florida; luoghi reali dove hanno avuto luogo delle vere e proprie gare automobilistiche sono state di ispirazione per il film, alcuni riportati fedelmente.

Fee e Reher hanno anche spiegato una delle fasi più intriganti del processo di realizzazione: il casting delle voci. “La prima cosa che facciamo è descrivere i personaggi, in seguito scegliamo una decina di attori. Questi attori li presentiamo al regista il quale poi fa una selezione,  di solito tre, e alla fine ne preferisce uno. Questa terzina la portiamo a John Lassiter,  senza però dire qual è il preferito del regista, sperando che scelga la stessa persona”, racconta il produttore. “Quello che cerchiamo è una voce che esca dallo schermo, facciamo i provini senza guardare in faccia gli attori al fine di immaginarli nei personaggi”, conclude il regista.

Tra i personaggi più memorabili di questa saga c’è sicuramente Doc, mentore di Saetta, la cui voce nella versione originale è quella Paul Newman, scomparso nel 2008. “Abbiamo cercato qualcuno che avesse una voce simile a Paul Newman, ma non ci siamo riusciti. C’erano però delle ore e ore di registrazione della sua voce per i film precedenti, quindi abbiamo fatto la trascrizione e abbiamo cercato di adattare i dialoghi, la storia, a quello che abbiamo trovato”.

Qual è il vero messaggio del film? “Spesso quello che fanno i bambini è  etichettare cose che sono per i maschi e cose che sono per le femmine. Speriamo che con “Cars 3” i bambini capiscano che tutto è possibile, è necessario abbattere le barriere per inseguire i propri sogni”, conclude il regista.

Cars 3: Ferilli, J-Ax e Insegno, un trio tutto da ridere

Cars 3 le voci italiane

Le voci italiane di Cars 3 alla conferenza stampa tenutasi a Roma

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche coloro che hanno prestato la voce ai protagonisti di questo terzo capitolo: Pino Insegno, Sabrina Ferilli, J-Ax, La Pina, Marco Messeri, Marco Della Noce, Ugo Pigliai, Gianfranco Mazzoni e Ivan Capelli.

“Era la mia prima volta nella sala di doppiaggio, un’esperienza veloce e divertente. Ho capito che non riguarda solo il prestare la voce, ma anche seguire i movimenti del personaggio per rendere il tutto più realistico. Mi ci rivedo molto in lui: come lo speaker anche io urlo tantissimo”, ha confessato un divertito J- Ax, soddisfatto anche di aver lavorato, almeno al cinema, con la rapper La Pina, la quale ha affermato di essersi sentita come “la principessa del ballo” nella gara automobilistica di cui il suo personaggio è protagonista.

Insieme a La Pina, la Ferilli ha insistito su come si sono evolute le figure femminili nel mondo della Disney, molto emancipate e pronte a competere con gli uomini.

La conferenza stampa non poteva che concludersi con i loro film Disney preferiti: per Pino Insegno è “Inside Out” , per J-Ax “Wall- E” e “Toy Story”, mentre per Marco Messeri è “Up”.

Silvia D’Ambrosio

12/07/2017

 

 

 

 

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *