Carla Gravina

Attrice italiana, esordisce al cinema ancora minorenne nel 1957, nel film che rappresenterà l’inizio della sua carriera d'attrice. Carla Gravina non è solo un'attrice cinematografica ma anche un’attrice teatrale, infatti ha sempre lavorato sui due binari contemporaneamente.

Carla Gravina: attrice 'indemoniata' del cinema italiano

(Gemona del Friuli, 5 agosto 1941)

Carla Gravina attriceCarla Gravina esordisce al cinema a soli 16 anni in "Guendalina" di Alberto Lattuada (1957) e, da allora, inizia una lunga carriera che la farà diventare una delle maggiori attrici del cinema e del teatro italiano.

Nel 1958 recita nello sceneggiato televisivo "Padri e figli" di Guglielmo Morandi. Nel 1959 esordisce in televisione nel programma TV "Il Musichiere", condotto da Mario Riva, in coppia con Patrizia Della Rovere.

Negli anni sessanta inizia a lavorare in teatro, debuttando nel 1960 nel ruolo di Giulietta al Festival Shakespeariano insieme a Gian Maria Volonté, suo compagno di vita per molti anni e con cui condivide anche un forte impegno politico.

Carla Gravina: le pellicole cinematografiche e gli sceneggiati televisivi

Dopo anni di teatro, Carla Gravina torna al cinema nel 1967 con "I sette fratelli Cervi" di Gianni Puccini e, l'anno successivo, con "Banditi a Milano" di Carlo Lizzani accanto a Volonté. Nel 1971 è protagonista del thriller psicologico "Senza movente" di Philippe Labro, con Jean-Louis Trintignant e Dominique Sanda. Cambia completamente genere invece quando accetta il ruolo dell'indemoniata Ippolita Oderisi nel film "L'anticristo" (1974) di Alberto De Martino.

Il decennio '70-'80 la vede protagonista di diversi sceneggiati televisivi, tra i quali "Il segno del comando" del 1971. Nel 1980 è di nuovo insieme a Gian Maria Volonté nella commedia di Arthur Schnitzler, "Girotondo", diretta proprio da Volonté.

La chiusura della carriera cinematografica e l'impegno in politica

Convinta sia il cinema che la televisione non offrano ruoli adeguati ad attrici della sua età e del suo calibro, dagli anni '80 si dedica principalmente al teatro, dove è diretta dai migliori registi italiani, come Giorgio Strehler, Luca Ronconi e Giancarlo Cobelli. Tra le rappresentazioni più importanti è da citare quella de "La Locandiera" di Carlo Goldoni.

Nel 1980 vince il premio come Migliore Attrice Non Protagonista al Festival di Cannes per il film "La terrazza" di Ettore Scola. Tra il 1980 e il 1983 siede tra i banchi della Camera dei deputati come candidata del PCI.

Nel 1993 la Gravina chiude effettivamente la sua carriera cinematografica con il film "Il lungo silenzio" di Margarethe von Trotta - per il quale ha ricevuto il premio come Migliore Attrice Protagonista al Festival di Montréal - e torna in televisione per un'ultima apparizione nel 1998 in "Come quando fuori piove" di Bruno Gaburro.

A ridosso degli anni 2000 lascia anche il teatro, allontanandosi dalle scene e ritirandosi definitivamente dal mondo dello spettacolo.

Silvia Mincio

Carla Gravina Filmografia - Cinema

Carla Gravina filmografia

  • Guendalina, regia di Alberto Lattuada (1957)
  • Amore e chiacchiere, regia di Alessandro Blasetti (1957)
  • Primo amore, regia di Mario Camerini (1958)
  • Anche l'inferno trema, regia di Paolo Regnoli (1958)
  • I soliti ignoti, regia di Mario Monicelli (1958)
  • Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati (1959)
  • Esterina, regia di Carlo Lizzani (1959)
  • Tutti a casa, regia di Luigi Comencini (1960)
  • Jovanka e le altre, regia di Martin Ritt (1960)
  • Scano Boa, regia di Renato Dall'Ara (1961)
  • Un giorno da leoni, regia di Nanni Loy (1961)
  • Quien sabe?, regia di Damiano Damiani (1966)
  • I sette fratelli Cervi, regia di Gianni Puccini (1967)
  • Banditi a Milano, regia di Carlo Lizzani (1968)
  • Sierra Maestra, regia di Ansano Giannarelli (1969)
  • La donna invisibile, regia di Paolo Spinola (1969)
  • Cuore di mamma, regia di Salvatore Samperi (1969)
  • La monaca di Monza, regia di Eriprando Visconti (1969)
  • Il segno del comando, regia di Daniele D'Anza (Miniserie TV) (1971)
  • Senza movente, regia di Philippe Labro (1971)
  • Alfredo, Alfredo, regia di Pietro Germi (1972)
  • Il tema di Marco, regia di Massimo Antonelli (1972)
  • Il caso Pisciotta, regia di Eriprando Visconti (1972)
  • L'erede, regia di Philippe Labro (1972)
  • Tony Arzenta, regia di Duccio Tessari (1973)
  • L'idolo della città, regia di Yves Robert (1973)
  • L'anticristo, regia di Alberto De Martino (1974)
  • Il gioco della verità, regia di Michele Massa (1974)
  • Tutta una vita, regia di Claude Lelouch (1974)
  • Il figlio del gangster, regia di José Giovanni (1976)
  • Maternale, regia di Giovanna Gagliardo (1978)
  • La terrazza, regia di Ettore Scola (1980)
  • Amiche mie, regia di Paolo Genovese, Luca Miniero (1982)
  • Mon ami Washington, regia di Helvio Soto (1984)
  • I giorni del commissario Ambrosio, regia di Sergio Corbucci (1988)
  • Il lungo silenzio, regia di Margarethe von Trotta (1993)

Carla Gravina Filmografia - Televisione

  • Dalila, regia di Giuliana Berlinguer (1965)
  • Scaramouche, regia di Daniele D'Anza (Sceneggiato Televisivo) (1965)
  • Caravaggio, regia di Silverio Blasi (Sceneggiato Televisivo) (1967)
  • Tenente Sheridan: Soltanto una voce, regia di Leonardo Cortese (Telefilm) (1967)
  • Nero Wolfe: Veleno in sartoria, regia di Giuliana Berlinguer (Film TV) (1969)
  • I fratelli Karamazov (Sceneggiato televisivo) (1969)
  • Il segno del comando, regia di Daniele D'Anza (Miniserie TV) (1971)
  • Madame Bovary, regia di Daniele D'Anza (Sceneggiato Televisivo) (1978)
  • Quasi davvero (Film TV) (1978)
  • Nella vita di Sylvia Plath (Film TV) (1979)
  • Orient-Express (Miniserie TV) (1979)
  • Le Roi de Patagonie (Film TV) (1990)
  • Come quando fuori piove (Film TV) (1998)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *