Box Office Usa: L’horror ancora in testa alle classifiche

Box Office Usa (incassi 29 settembre – 01 ottobre): è ancora l’horror a farla da padrone questo weekend nelle sale cinematografiche americane. Il film dedicato al capolavoro letterario di Sthepen King “It“, guadagna infatti altri $17,310,000 per un totale di $291,182,790 di incassi nelle prime quattro settimane dal suo esordio. Non c’è che dire, la versione del giovanissimo attore Bill Skarsgard del terrificante clown Pennywise, ha rubato il cuore del grande pubblico e reso onore al suo predecessore Tim Curry.

Box Office Usa: Pennywise di nuovo in testa, segue Tom Cruise in seconda posizione

Box Office Usa

Con $17,016,000 alla sua prima settimana, “American Made” si classifica secondo sul podio; il film d’azione con Tom Cruise è ambientato nei feroci anni ottanta e ha come protagonista il celeberrimo Barry Seal, pilota d’aerei e collaboratore della CIA nel bloccare la minaccia comunista emergente in America Centrale.

Poco sotto e in terza posizione, troviamo invece “Kingsman: The Golden Circle” nelle sale già dalla settimana passata. ll sequel di “Kingsman – Secret Service” (2014) – ispirato a sua volta dalla miniserie a fumetti The Secret Service partorita dalla geniale mentre di Mark Millar ed illustrata da Dave Gibbons – ci mostra i Kingsman coalizzati assieme agli Statesman, nel tentativo di salvare il genere umano dal nuovo villain appena arrivato, dopo che il loro quartier generale è stato raso al suolo compromettendo la sicurezza dell’intero pianeta. Il film incassa $17,000,000 per un totale di $66,701,588 .

Siamo al quarto posto per il secondo spin-off del leggendario “LEGO Movie” film con protagonisti gli omini gialli e il loro fantastico mondo fatto di mattoncini; “The LEGO Ninjago Movie” questa settimana guadagna $12,000,000, su di un totale di $35,556,065 che delude abbastanza le aspettative.

Box Office Usa: “Flatliners (2017)” non ottiene lo stesso successo del suo omonimo anni ’90

In quinta posizione troviamo “Flatliners (2017)” sequel dell’omonima pellicola datata 1990 e diretta da Joel Schumacher. Anche in questa pellicola troviamo un gruppo di ragazzi alle prese con esperimenti scientifici borderline, ma il film non ha raggiunto lo stesso successo del lungometraggio che rappresentò il primo grande ritorno sul set della splendida  Julia Roberts dopo “Pratty Woman”, incassando solo $6,700,000.

Battle of the Sexes“, la biopic dedicata alla famosa partita di tennis che vide scontrarsi sul campo i campioni Bobby Riggs e Billie Jean KingLa il 20 settembre 1973 tra, si piazza in sesta posizione con $3,400,000 su $4,073,158, recuperando consenso al botteghino rispetto alla sua prima settimana d’esordio.

In settima posizione con $3,325,000 su di un totale di $31,873,581, “American Assassin” , adattamento dell’omonimo romanzo del 2010 di Vince Flynn.

Box Office Usa: la teoria che “i 40 sono i nuovi 20” non convince il grande pubblico

Box Office Usa "Home Again"All’ottavo posto troviamo invece “Home Again” in cui la splendida quarantenne Alice Kinney (Reese Witherspoon) decide di riprendere in mano le redini della propria vita dimostrando che “i 40 sono i nuovi 20”; ma la pellicola non ottiene il successo sperato e guadagna solo $1,756,372 per un totale di $25,181,947 .

Al penultimo posto di questa classifica settimanale made in USA, si piazza la news entry  “Til Death Do Us Part“, che alla sua prima settimana incassa $1,567,966. Il thriller psicologico che racconta la storia di un amore violento, non convince infatti il grande pubblico.

In ultima posizione e alla sua terza settimana nelle sale, “mother!” diretto da  Darren Aronofsky, con protagonisti Jennifer Lawrence e Javier Bardem. Il film che narra la storia dell’arrivo di ospiti scomodi nella vita della coppia Lawrence – Bardem, guadagna $1,460,000 su $16,320,846, non riuscendo a salire in classifica neppure questo weekend.

Ilaria Romito

02/10/2017

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *