Bernard Blier

Bernard Blier è stato un attore dalla lunghissima carriera, durante la quale ha recitato in più di 150 film. Nel 1998 le Poste Francesi hanno scelto di dedicare un francobollo alla sua memoria in quanto personaggio iconico del paese.

Bernard Blier, il francese "amico nostro"

(Buenos Aires, 11 gennaio 1916 – Saint-Cloud, 29 marzo 1989)

Bernard Blier BiografiaBernard Blier nasce nel 1916 a Buenos Aires, in Argentina, e muore a Saint-Cloud, in Francia, nel 1989.

Padre di Bertrand Blier, regista di “Per sesso o per amore?” (2005), con Monica Bellucci, Bernard Blier è stato sposato due volte nella sua vita: la prima con Gisèle Brunet, dalla quale ha avuto il figlio Bertrand, che lo ha diretto in tre film, e Annette Martin, sposata nel 1965, anno del divorzio dalla prima moglie, con la quale è rimasto fino alla sua morte, sopraggiunta per cancro il 29 marzo 1989.

Bernard Blier, dieci, cento, mille film

In carriera Bernard Blier recita in 184 film, fra pellicole cinematografiche e film per la televisione, e inizia nel 1937, quando appena ventunenne prende parte a “Trois… six… neuf”, di Raymond Rouleau.

Nella sua lunga attività, Blier interpreta numerosi ruoli da protagonista, tra cui quello di Maurice Martineau in “Legittima difesa”, di Henri-Georges Clouzot, del 1947. Durante gli Anni Sessanta prende parte al film “In famiglia si spara” (1963), di Georges Lautner, mentre fra le sue interpretazioni più incisive degli Anni Settanta vanno certamente annoverate “Alto, biondo e… con una scarpa nera” (1972) di Yves Robert, e “Buffet freddo” (1979) diretto dal figlio Bertrand. Nello stesso anno riceve una nomination ai Cesar come Miglior Attore non Protagonista di “Il fascino del delitto”, di Alain Corneau.

Bernard Blier, una carriera italiana

Negli Anni Ottanta Blier approda nel cinema italiano prendendo parte al film di Mario Monicelli del 1986 “Speriamo che sia femmina”, nei panni dello Zio Ugo, la cui interpretazione gli vale un David di Donatello come Miglior Attore non Protagonista.

Successivamente, l’attore viene scritturato per delle parti di contorno in “Amici miei” (1975), “Amici miei - Atto III” (1985) e “I Picari” (1988), e nel 1988 è protagonista insieme all’indimenticabile Alberto Sordi del film di Enrico Oldoini “Una botta di vita”, con Andréa Ferréol nei panni della protagonista femminile.

L’ultimo lavoro di Blier risale all’anno della sua morte, il 1989: si tratta del dramma biografico “Kinski Paganini”, diretto e interpretato da Klaus Kinski, uscito in Italia l’anno successivo. Il 2 marzo del 1989, circa un mese prima della sua morte, Bernard Blier è insignito del Cesar onorario alla carriera.

Fabiana Girelli

Bernard Blier Filmografia – Cinema

Bernard Blier Filmografia

  • Trois… six… neuf, regia di Raymond Rouleau (1937)
  • Il caso del giurato Morestan, regia di Marc Allégret (1937)
  • Il messaggio, regia di Raymond Rouleau (1937)
  • Gribouille, regia di Marc Allégret (1937)
  • Un immortale su misura, regia di Roger Richebé (1937)
  • Double crime sur la ligne Maginot, regia di Félix Gandéra (1937)
  • L’habit vert, regia di Roger Richebé (1937)
  • La dame de Malacca, regia di Marc Allégret (1937)
  • Grisou, regia di Maurice de Canonge (1938)
  • Altitude 3,200, regia di Jean Benoît-Lévy e Marie Epstein (1938)
  • Ragazze folli, regia di Marc Allégret (1938)
  • Le ruisseau, regia di Claude Autant-Lara e Maurice Lehmann (1938)
  • Albergo Nord, regia di Marcel Carné (1938)
  • Accord final, regia di Ignacy Rosenkranz e Douglas Sirk (1938)
  • Place de la Concorde, regia di Carl Lamac (1939)
  • Alba tragica, regia di Marcel Carné (1939)
  • Due donne innamorate, regia di Christian-Jaque (1941)
  • Capricci, regia di Leo Joannon (1942)
  • Carmen, regia di Christian-Jaque (1942)
  • Io sono con te, regia di Henri Decoin (1943)
  • Rondini in volo, regia di Marc Allégret (1943)
  • Dedee d’Anvers, regia di Yves Allégret (1947)
  • Legittima difesa, regia di Henri-Georges Clouzot (1947)
  • Gli scocciatori, regia di Jean Dréville (1948)
  • L’ecole buissonniere, regia di Jean-Paul Le Chanois(1949)
  • Ritorna la vita, regia di André Cayatte (1949)
  • Scandalo alle Assise, regia di Henri Calef (1949)
  • Sua maestà il fabbro ferraio, regia di Roger Richebé (1949)
  • …E mi lasciò senza indirizzo…, regia di Jean-Paul Le Chanois (1950)
  • Les anciens de Saint Loup, regia di Georges Lampin(1950)
  • Ricordi perduti, regia di Christian-Jaque (1950)
  • Agence matrimoniale, regia di Jean-Paul Le Chanois (1951)
  • Seguite quest’uomo, regia di Georges Lampin (1952)
  • Prima del diluvio, regia di André Cayatte (1953)
  • Il letto (Episodio: Il letto della Pompadour, di Jean Delannoy) (1954)
  • La piccola guerra, regia di Alex Joffé (1955)
  • Prigionieri del male, regia di Mario Costa (1955)
  • I peccatori guardano il cielo, regia di Georges Lampin (1956)
  • Delitto sulla costa azzurra, regia di Denys De La Patellière (1957)
  • Godot, regia di Yves Allégret (1957)
  • I miserabili, regia di Jean-Paul Le Chanois (1957)
  • La bestia muore due volte, regia di Hervé Bromberger (1957)
  • L’uomo dell’impermeabile, regia di Julien Duvivier (1957)
  • Anonima ricatti, regia di André Berthomiel (1958)
  • Archimede, le clochard, regia di Gilles Grangier (1958)
  • La carne è debole, regia di (1958)
  • Die elenden, regia di Jean-Paul Le Chanois (1958)
  • Le grandi famiglie, regia di Denys De La Patellière (1958)
  • Il giocatore, regia di Claude Autant-Lara (1958)
  • La gatta, regia di Henri Decoin (1958)
  • Senza famiglia, regia di Andrè Michel (1958)
  • Amanti nelle tenebre, regia di Denys De La Patellière (1959)
  • Colpo alla nuca, regia di Georges Lautner (1959)
  • Storie d’amore proibite, regia di Jacqueline Audry(1959)
  • Marie Octobre, regia di Julien Duvivier (1959)
  • La grande guerra, regia di Mario Monicelli (1959)
  • Il gobbo, regia di Carlo Lizzani (1960)
  • Il presidente, regia di Henry Verneuil (1960)
  • Il sindacato del crimine, regia di Charles Gérard (1960)
  • Hitler non è morto, regia di Georges Lautner (1961)
  • Una ragazza a rimorchio, regia di Jacqueline Audry (1961)
  • Il re dei falsari, regia di Gilles Grangier (1961)
  • Il settimo giurato, regia di Georges Lautner (1961)
  • I celebri amori di Enrico IV, regia di Claude Autant-Lara (1961)
  • Crimen, regia di Mario Camerini (1961)
  • I briganti italiani, regia di Mario Camerini (1962)
  • Il grande ribelle, regia di Georges Lampin (1962)
  • La furia degli uomini, regia di Yves Allégret (1962)
  • Il magnifico avventuriero, regia di Riccardo Freda (1963)
  • La pappa reale, regia di Robert Thomas (1963)
  • Le ragazze di buona famiglia, regia di Pierre Montazel(1963)
  • 100.000 dollari al sole, regia di Henry Verneuil (1963)
  • In famiglia si spara, regia di Georges Lautner (1963)
  • Quattro spie sotto il lenzuolo, regia di George Lautner (1964)
  • I compagni, regia di Mario Monicelli (1964)
  • Alta infedeltà, regia di Mario Monicelli (Episodio “Gente moderna”) (1964)
  • Il magnifico cornuto, regia di Antonio Pietrangeli (1964)
  • L’amore e la chance, regia di Bertrand Tavernier (1964)
  • Caccia al maschio, regia di Edouard Molinaro (1964)
  • Per favore chiudete le persiane, (1965)
  • Una questione d’onore, regia di Luigi Zampa (1965)
  • Casanova ’70, regia di Mario Monicelli (1965)
  • Delitto quasi perfetto, regia di Mario Camerini (1966)
  • Duello nel mondo, regia di Georges Combret e Luigi Scattini (1966)
  • Chi ha rubato il presidente, regia di Jacque Besnard (1966)
  • Congiura di spie, regia di Edouard Molinaro (1966)
  • Horror:l’assassino ha le ore contate, regia di Yves Boisset (1967)
  • Un idiot a’ Paris, regia di Serge Korber (1967)
  • Si j’etais un espion, regia di Bertrand Blier (1967)
  • Lo straniero, regia di Luchino Visconti (1967)
  • Il morto mettetelo sul conto, regia di Jacques Besnard (1968)
  • Caroline chérie, regia di Denys de La Patellière (1968)
  • Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa?, regia di Ettore Scola (1968)
  • Non bisogna scambiare i ragazzi del Buon Dio per delle anatre selvatiche, regia di Michel Audiart (1968)
  • Mio zio Beniamino, regia di Edouard Molinaro (1969)
  • Quarta parete, regia di Adriano Bolzoni (1969)
  • Tre canaglie e un piedipiatti, regia di Georges Lautner (1970)
  • Appelez-moi Mathilde, regia di Pierre Mondy (1970)
  • Che carriera si fa con l’aiuto di mamma!, regia di Pierre Richard (1970)
  • Le cri du cormoran le sour au-dessus des jonques, regia di Michel Aucler (1970)
  • Homo Eroticus, regia di Marco Vicario (1971)
  • Jo e il gazebo, regia di Jean Girault (1971)
  • Il furto è l’anima del commercio…?!, regia di Bruno Corbucci (1971)
  • Per amore ho catturato una spia russa, regia di Dick Clement (1971)
  • Alto biondo e… con una scarpa nera, regia di Yves Robert (1972)
  • Dacci oggi i nostri soldi quotidiani, regia di Jean Yanne (1972)
  • Il commissario Le Guen e il caso Gassot, regia di Denys De La Patellièr (1972)
  • Questo nostro simpatico mondo di pazzi, regia di Jean Yanne (1972)
  • Boccaccio, regia di Bruno Corbucci (1972)
  • Rosamunda non parla… spara, regia di Michel Audiart (1972)
  • Se gli altri sparano… io che c’entro?, regia di Pierre Richard
  • Ultimatum alla Polizia, regia di Marc Simenon (1973)
  • Processo per direttissima, regia di Lucio De Caro (1974)
  • Bon baisers… à lundì, regia di Michel Audiart (1974)
  • Ce cher Victor, regia di Robin Davis (1974
  • I cinesi a Parigi, regia di Jean Yanne (1974)
  • Non è perché non si ha nulla da dire che si deve star zitti, regia di Jacques Besnard (1974)
  • Un cadavere di troppo, regia di Etienne Périer (1974)
  • Il piatto piange, regia di Paolo Nuzzi (1974)
  • Amici miei, regia di Mario Monicelli (1975)
  • Calmos, regia di Bertrand Blier (1976)
  • Il cadavere del mio nemico, regia di Henry Verneuil (1976)
  • Buffet freddo, regia di Henry Verneuil (1979)
  • Il fascino del delitto, regia di Alain Corneau (1979)
  • Il malato immaginario, regia di Tonino Cervi (1979)
  • Voltati Eugenio, regia di Luigi Comencini (1980)
  • Il turno, regia di Tonino Cervi (1981)
  • Passione d’amore, regia di Ettore Scola (1981)
  • Petrole! Petrole!, regia di Christian Gion (1981)
  • Ca n’arrive qu’à moi, regia di Francis Perrin (1984)
  • Cuore, regia di Luigi Comencini (1984)
  • Amici miei atto III, regia di Nanni Loy (1985)
  • Le due vite di Mattia Pascal, regia di Mario Monicelli (1985)
  • Scemo di guerra, regia di Dino Risi (1985)
  • Speriamo che sia femmina, regia di Mario Monicelli (1986)
  • Compagni miei atto I, regia di Jaen-Marie Poiré (1986)
  • Io odio gli attori, regia di Gérard Krawczyk (1986)
  • Sotto il ristorante cinese, regia di Bruno Bozzetto (1987)
  • Dostoevskij – I demoni, regia di Andrzej Wajda (1987)
  • Una botta di vita, regia di Enrico Oldoini (1988)
  • I picari, regia di Mario Monicelli (1988)
  • Ada dans la jungle, regia di Gérard Zingg (1988)
  • Kinski Paganini, regia di Klaus Kinski (1989)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *