agosto 29, 2015

Ben Stiller – Biografia

Ben Stiller, l’attore che ha passato ‘una notte al museo’

(New York City, 30 Novembre 1965)

2012 Vanity Fair Oscar Party Hosted By Graydon Carter - ArrivalsE’ una delle stars della comicità statunitense. Protagonista di pellicole tra il satirico e il demenziale, ma sempre di grande successo, Ben Stiller non è arrivato al cinema per puro caso. La recitazione ce l’ha nel sangue. Figlio di una celebre coppia hollywoodiana, Jerry Stiller e Anne Meara, Benjiamin ha debuttato sul grande schermo proprio a fianco del padre nella commedia “Su e giù per i Caraibi”, nel 1987.

Ma già a dieci anni, da buon figlio d’arte, aveva iniziato a recitare, in alcuni telefilm. Cresce in una famiglia di attori, è attrice anche la sorella Amy, e si circonda di amici tutti legati al medesimo ambiente: Owen Wilson, Jack Black, Vince Vaughn.

Dopo aver lavorato con Steven Spielberg ne “L’impero del sole” (1987), Ben torna alla televisione e partecipa a molti show fino a condurne uno tutto suo il “Ben Stiller Show” che la rete Mtv trasmette all’inizio degli anni Novanta. La tv lo incorona tra i più amati dagli adolescenti americani, mentre non abbandona il grande schermo e lo troviamo nel 1996 in “Amori e disastri”, con Patricia Arquette. Ma sarà, accanto alla statuaria Cameron Diaz nel ruolo di Ted, in “Tutti pazzi per Mary” (1998) che il pubblico mondiale si accorgerà di lui. Piccolo, imbranato, sfortunato ma sempre capace di uscire integro da ogni genere di disavventura, quasi un’incarnazione di Paperino, Stiller riadatterà le caratteristiche di Ted in altri personaggi: il futuro genero bistrattato dai suoceri in “Ti presento i miei” (2000) a cui seguirà “Mi presenti i tuoi?” (2004), l’innamorato che deve fare i conti con la diabolica vecchietta del piano di sopra in “Duplex – Un appartamento per tre” (2003), diretto da Danny DeVito, con Drew Barrymore; il mite e tranquillo Reuben Feffer di “…E alla fine arriva Polly” (2004), la cui vita verrà sconquassata nientemeno che dalla bionda Jennifer Aniston e il guardiano temerario di “Una notte al museo” (2006) e del sequel “Una notte al museo 2″ (2009).

Con l’amico Owen Wilson ha recitato ne “Il rompiscatole” (1996), “Zoolander” (2001), “I Tenenbaum” (2001), nel remake della serie tv “Starsky & Hutch” (2004), “Una notte al museo” (2006) e in “Una notte al museo 2” (2009).

Attore brillante ormai affermato, Stiller non ha mai nascosto la sua passione per la regia. Dopo il debutto del 1994 in cui diresse Winona Ryder e Ethan Hawke in “Giovani carini e disoccupati”, è tornato spesso dietro la macchina da presa: nel 1996 con “Il rompiscatole”, nel 2001 con “Zoolander”, fino a “Tropic Thunder” (2008) di cui è anche interprete e produttore, parodia di come Hollywood rappresenta la guerra.

Lo abbiamo visto nel sequel “Vi presento i nostri” (2010), terzo episodio della serie iniziata con “Ti presento i miei”, in cui Stiller ha recitato ancora accanto al mostro sacro Robert De Niro, per poi dedicarsi a “The Hardy Men”, con Tom Cruise. Nella pellicola che si ispira alla famosa serie di gialli per ragazzi “The Hardy boys”, i fratelli Hardy, ormai adulti, si ritroveranno insieme per risolvere il loro nuovo, ultimo misterioso caso.

Sempre nel 2010 è impegnato nella commedia “Lo stravagante mondo di Greenberg” in cui veste i panni dell’eccentrico zio Roger. Sposato con la collega Christine Taylor, ha due bambini Ella e Quinlin e forse proprio per loro ha accettato di lavorare come doppiatore nei tre episodi del cartoon “Madagascar”. È sua, infatti, la voce originale del leone Alex. Una curiosità: la scena iniziale in cui Alex si esibisce nell’espressione “Magnum” non è altro che la parodia di Derek Zoolander protagonista del lavoro interpretato e diretto da Stiller nel 2001.

Nel 2012, è impegnato con la commedia “Vicini del terzo tipo” e, nel 2013, torna dietro la macchina da presa per “I sogni segreti di Walter Mitty”, remake di “Sogni proibiti” (1947), ispirato al racconto “The Secret Life of Walter Mitty” scritto, nel 1939, da James Thurber.

Nel 2014 è di nuovo protagonista in “Una notte al museo 3 – Il segreto del faraone”.

Barbara Mattiuzzo

Related posts

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *