Bela Lugosi

Il mito di Dracula affonda le sue radici nella storia, il Principe Vlad Tepes III Dracula, detto l’impalatore è un personaggio realmente esistito. Principe di Valacchia dal 1456 al 1462 era noto per la sua crudeltà nei confronti dei nemici. Nacque così la “Letteratura del Vampiro” e il capolavoro del genere è senz’altro il romanzo di Bram Stoker. Dalla carta alla celluloide il passo è breve e “Lui” si è palesato nel cinema per prima volta nel lontano 1896 con il film francese “Le manoir du Diabre” di Georges Melies. Un capolavoro a sé è stato senz’altro “Nosferatu, eine symphonie des grauens” del 1922 di Friedrich Wilhelm Murnau, che si colloca nell’ambito dell’espressionismo tedesco.

Ma colui che ha dato vita alla “maschera” del Conte Dracula è stato nel 1931 Bela Lugosi, attore ungherese che incarnerà da allora il principe delle tenebre. Scelto per la sua eleganza e il suo fascino aristocratico, si era fatto notare per le sue rappresentazioni teatrali del vampiro. Inizialmente la parte del vampiro per “Dracula”, diretto da Tod Browning, doveva andare a Lon Chaney, conosciuto da tutti per il suo essere istrionicamente camaleonte. La morte prematura di quest’ultimo fece cadere la scelta su Lugosi che era già noto a teatro.

Bela Lugosi, l’incarnazione artistica del mito di Dracula

(Lugoj, 20 ottobre 1882 – Los Angeles, 16 agosto 1956)

lugosi biografiaNato a Lugos, regione dell’Austro-Ungheria, ora Romania, si era trasferito prima in Germania, poi negli Stati Uniti dove incontrò Dracula, suo alter ego anche nella vita.

A differenza di Channey, la sua interpretazione era assolutamente naturale, niente finti canini o trucchi vistosi. Solo un tocco di cipria ne enfatizzava il pallore esangue e lo sguardo ipnotico. Completava il tutto l’accento transilvanico e le lunghe dita delle mani rigide e arcuate. La malvagità traspariva dai suoi modi e atteggiamenti cortesi e poteva all’epoca veramente fare paura.

Lugosi e Karloff, nemici-amici

Lugosi ammaliò tutti con il suo fascino aristocratico a cominciare dalla vedova di Stoker che acconsentì a lui la cessione dei diritti. Sull’onda del successo gli proposero in seguito la parte di Frankenstein, ma egli si rifiutò di indossare la maschera del mostro perché avrebbe occultato la sua. In tal modo fece le fortuna dell’altro grande interprete di film horror, Boris Karloff.

Tra i due si riteneva ci fosse puro odio ma qualcuno pensava anche una grande amicizia. Insieme lavorarono in diversi film horror tra cui “The Black Cat” e “Il figlio di Frankenstein” dove Lugosi è Igor.

Entrambi avevano trovato la loro terra promessa, ma Boris si distinse per la sua versatilità e la sua carriera fu lunga e luminosa. Lugosi invece non volle tradire il suo personaggio e il genere di cui era diventato attore cult, a parte una piccola parte in “Ninotchka” accanto alla divina Greta Garbo.

Intrappolato nel suo ruolo, tanto da far credere che dormisse in una bara, fu abbandonato da tutti e si trovò presto in ristrettezze economiche.

Bela Lugosi, icona già in vita e oltre la morte

Il suo ultimo vampiro cinematografico è nel “Cervello di Frankenstein” del 1942. Il regista Ed Wood, nel 1953 riporta sul grande schermo, nei suoi ridicoli film, l’icona horror Anni Trenta. Lugosi muore nel 1956 ucciso a causa di un’iniezione di formaldeide. Si farà seppellire con il “suo” mantello di Nosferatu.

Uno straordinario Martin Landau nel 1994 fa rivivere sul grande schermo Lugosi affiancato da un Ed Wood assolutamente perfetto nell’interpretazione di Johnny Depp.

Bela Lugosi sopravvive nella nostra memoria e… attenzione al pipistrello che svolazza davanti alle vostre finestre stanotte!

Ivana Faranda

Bela Lugosi Filmografia - Cinema

Bela Lugosi filmografia

  • A Régiséggyüjtö, regia di Alfréd Deésy (Cortometraggio) (1917)
  • Nászdal, regia di Alfréd Deésy (1917)
  • Leoni Leo, regia di Alfréd Deésy (1917)
  • Az ezredes, regia di Michael Curtiz (1917)
  • Tavaszi vihar, regia di Alfréd Deésy (1918)
  • Lulu, regia di Michael Curtiz (1918)
  • Küzdelem a létért, regia di Alfréd Deésy (1918)
  • Casanova, regia di Alfréd Deésy (1918)
  • Álarcosbál, regia di Alfréd Deésy (1918)
  • Lili, regia di Cornelius Hintner (1918)
  • Az élet királya, regia di Alfréd Deésy (1918)
  • 99, regia di Michael Curtiz (1918)
  • Die Teufelsanbeter, regia di Marie Luise Droop (1920)
  • Die Frau im Delphin, oder 30 Tage auf dem Meeresgrund, regia di Artur Kiekebusch-Brenken (1920)
  • Der Fluch der Menschheit - 1. Die Tochter der Arbeit, regia di Richard Eichberg (1920)
  • Hypnose, regia di Richard Eichberg (1920)
  • Der Tanz auf dem Vulkan - 1. Sybil Young, regia di Richard Eichberg (1920)
  • Der Tanz auf dem Vulkan - 2. Der Tod des Großfürsten, regia di Richard Eichberg (1920)
  • Nat Pinkerton im Kampf, 1. Teil - Das Ende des Artisten Bartolini, regia di Wolfgang Neff (1920)
  • La testa di Giano, regia di Friedrich Wilhelm Murnau (1920)
  • Lederstrumpf, 1. Teil: Der Wildtöter und Chingachgook, regia di Arthur Wellin (1920)
  • Der Fluch der Menschheit - 2. Im Rausche der Milliarden, regia di Richard Eichberg (1920)
  • Auf den Trümmern des Paradieses, regia di Josef Stein (1920)
  • Lederstrumpf, 2. Teil: Der Letzte der Mohikaner, regia di Arthur Wellin (1920)
  • Die Todeskarawane, regia di Josef Stein (1920)
  • The Last of the Mohicans, regia di Clarence Brown con Maurice Tourneur (1920)
  • Johann Hopkins, der Dritte, regia di Wolfgang Neff (1921)
  • Ihre Hoheit die Tänzerin (1922)
  • The Silent Command, regia di J. Gordon Edwards (1923)
  • The Rejected Woman, regia di Albert Parker (1924)
  • L'uomo che prende gli schiaffi, regia di Victor Sjöström (1924)
  • The Midnight Girl, regia di Wilfred Noy (1925)
  • Daughters Who Pay, regia di George Terwilliger (1925)
  • Punchinello, regia di Duncan Renaldo (Cortometraggio) (1926)
  • How to Handle Women, regia di William James Craft (1928)
  • The Veiled Woman, regia di Emmett J. Flynn (1929)
  • Prisoners, regia di William A. Seiter (1929)
  • The Thirteenth Chair, regia di Tod Browning (1929)
  • Il re del jazz, regia di John Murray Anderson con Pál Fejös (1930)
  • Such Men Are Dangerous, regia di Kenneth Hawks (1930)
  • La seduzione del peccato, regia di Leo McCarey (1930)
  • La spia, regia di Victor Fleming (1930)
  • Valzer viennese, regia di Alan Crosland (1930)
  • Oh, for a Man, regia di Hamilton MacFadden (1930)
  • Dracula, regia di Tod Browning (1931)
  • Fifty Million Frenchmen, regia di Lloyd Bacon (1931)
  • Sempre rivali, regia di Raoul Walsh (1931)
  • Il cammello nero, regia di Hamilton MacFadden (1931)
  • Broadminded, regia di Mervyn LeRoy (1931)
  • Il dottor Miracolo, regia di Robert Florey (1932)
  • L'isola degli zombies, regia di Victor Halperin (1932)
  • Chandu the Magician, regia di William Cameron Menzies con Marcel Varnel (1932)
  • Bacio mortale, regia di Edwin L. Marin (1933)
  • L'isola delle anime perdute, regia di Erle C. Kenton (1932)
  • The Whispering Shadow, regia di Colbert Clark con Albert Herman (1933)
  • Night of Terror, regia di Benjamin Stoloff (1933)
  • International House, regia di A. Edward Sutherland (1933)
  • Orizzonti di fuoco, regia di William Dieterle (1933)
  • The Return of Chandu, regia di Ray Taylor (1934)
  • The Black Cat, regia di Edgar G. Ulmer (1934)
  • Gift of Gab, regia di Karl Freund (1934)
  • The Mysterious Mr. Wong, regia di William Nigh (1934)
  • Chandu on the Magic Island, regia di Ray Taylor (1935)
  • La morte azzurra, regia di Erle C. Kenton (1935)
  • I vampiri di Praga, regia di Tod Browning (1935)
  • The Mystery of the Marie Celeste, regia di Denison Clift (1935)
  • The Raven, regia di Lew Landers (1935)
  • Un dramma per televisione, regia di Clifford Sanforth (1935)
  • Il raggio invisibile, regia di Lambert Hillyer (1936)
  • Postal Inspector, regia di Otto Brower (1936)
  • Shadow of Chinatown, regia di Robert F. Hill (1936)
  • S.O.S. Coast Guard, regia di Alan James e William Witney (1937)
  • The Phantom Creeps, regia di Ford Beebe e Saul A. Goodkind (1939)
  • Il figlio di Frankenstein, regia di Rowland V. Lee (1939)
  • The Gorilla, regia di Allan Dwan (1939)
  • Ninotchka, regia di Ernst Lubitsch (1939)
  • Occhi neri di Londra, regia di Walter Summers (1940)
  • The Saint's Double Trouble, regia di Jack Hively (1940)
  • Black Friday, regia di Arthur Lubin (1940)
  • Notti di terrore, conosciuto anche come Minaccia occulta e come La notte dei pipistrelli, regia di Jean Yarbrough (1940)
  • You'll Find Out, regia di David Butler (1940)
  • The Invisible Ghost, regia di Joseph H. Lewis (1941)
  • The Black Cat, regia di Albert S. Rogell (1941)
  • Spooks Run Wild, regia di Phil Rosen (1941)
  • L'uomo lupo, regia di George Waggner (1941)
  • Black Dragons, regia di William Nigh (1942)
  • Il terrore di Frankenstein (1942)
  • A mezzanotte corre il terrore (1942)
  • Frankenstein contro l'uomo lupo (1943)
  • L'uomo scimmia (1943)
  • La iena - L'uomo di mezzanotte (1945)
  • Scared to Death, regia di W. H. Cabanne (1947)
  • Il cervello di Frankenstein (1948)
  • Bela Lugosi Meets a Brooklyn Gorilla, regia di William Beaudine (1952)
  • Glen or Glenda, regia di Edward D. Wood Jr. (1953)
  • La sposa del mostro , regia di Edward D. Wood Jr. (1955)
  • Il sonno nero del dottor Satana, regia di Reginald Le Borg (1956)
  • Plan 9 from Outer Space, regia di Edward D. Wood Jr. (1959)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *