Assolo (5 Gennaio)

Seconda prova di regia per l’attrice Laura Morante, dopo “Ciliegine” del 2012

assolo-locandina“Assolo” è il secondo film che vede Laura Morante non solo davanti alla camera da presa in veste di interprete bensì anche dietro di essa, nel ruolo di regista.

Scritto insieme all’ex compagno Daniele Costantini, “Assolo” ruota intorno a un perno storico e sempiterno, ossia l’universo femminile e, in maniera più specifica, analizzerà quel momento della vita di una donna che passa da una relazione stabile a donna single, confrontandosi con i cambiamenti della società e soprattutto con i propri cambiamenti caratteriali.

“Assolo” è una commedia drammatica che ha come protagonista una donna che tutto è fuorché perfetta: si tratta di Flavia (interpretata dalla stessa Laura Morante).
Flavia è una donna fragile, imperfetta, insicura e perennemente alla ricerca di affetto e attenzioni e dell’approvazione altrui. Sebbene abbia due matrimoni alle spalle (e due figli avuti da essi), Flavia non si rassegna: non vuole separarsi totalmente dai suoi ex-partner e fa di tutto per rimanere in contatto, soprattutto a livello emotivo, con i suoi ex-mariti Gerardo (interpretato da Francesco Pannofino, grande doppiatore e interprete in “Ogni maledetto Natale” e “Boris – Il Film”) e Willy (Gigio Alberti, attore in “L’estate del mio primo bacio” e “Il capitale umano” di Paolo Virzì,). Per non sentirsi esclusa dalle loro vite, difatti, la donna mantiene dei rapporti amichevoli anche con le loro nuovo compagne, le donne che hanno preso il suo posto, rispettivamente Giusi (Emanuela Grimalda) e Ilaria (Carolina Crescentini).

Flavia comincerà solo lentamente e in maniera progressiva a rendersi conto che, per essere felice, non ha bisogno di nessuno: “Assolo” sarà dunque una storia di riscatto, il cui premio ambito sarà il raggiungimento della piena autostima.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *