Alessandro Haber

Attore, regista e cantante italiano, Alessandro Haber ha sempre sognato di diventare un attore, riuscendo a realizzare il suo sogno grazie all'opportunità offertagli nel '67 dal regista Marco Bellocchio, proseguendo una brillante carriera nel segno dei grandi nomi, come Taviani, Fellini, Bertolucci e Damiani.

Alessandro Haber, un artista da “fuochi d’artificio”

(Bologna, 19 gennaio 1947)

Alessandro Haber Primo PianoAlessandro Haber nasce a Bologna il 19 gennaio 1947 da padre rumeno e madre italiana. Dopo aver trascorso la sua infanzia in Israele, torna in Italia a nove anni, e a venti, debutta con Marco Bellocchio nel 1967 con una piccola parte ne “La Cina è vicina”. In seguito sarà diretto dai Taviani in “Sotto il segno dello scorpione” (1969) e da Bertolucci ne “Il conformista” (1970).

Haber sarà nel cast di uno dei primi lavori di Nanni Moretti “Sogni d’oro” del 1981, nel secondo episodio di “Amici miei – Atto II” (1982) di Mario Monicelli e nel primo lungometraggio di Gabriele Salvatores “Sogno di una notte d’estate” (1983). In realtà, l’attore bolognese appare in molto altre pellicole ma sempre con piccoli ruoli da caratterista, oltre che dedicarsi al teatro con buoni risultati.

Alessandro Haber, attore 'solo per amore'

La grande occasione arriva nel 1986 con Pupi Avati in “Regalo di Natale”, che segnerà la rinascita di Diego Abatantuono e la scoperta finalmente di Alessandro Haber, qui impegnato in una lunga partita a poker. Del resto ad Haber piace giocare anche nella vita, e non solo con le carte, ma anche con il cibo e le donne. Anche se single impenitente per anni, solo da pochi anni è legato a una donna che gli una dato una bellissima bambina. Comunque, il film di Avati segna l’inizio di una strada in discesa e di collaborazioni con i più diversi registi italiani.

Francesco Nuti, prima del suo declino, lo dirige in “Willy Signori e vengo da lontano” nel 1989, che gli varrà un Nastro d’Argento come Miglior Attore non Protagonista. Mario Monicelli lo inserirà nella “felice” famiglia di “Parenti serpenti” nel 1992, nella parte del figlio gay costretto suo malgrado a fare outing. Nel 1993, diretto da Veronesi, conquista un altro Nastro d’Argento come Miglior Attore non Protagonista e il David di Donatello con “Per amore, solo per amore”. Nel 1994 Enzo Monteleone crea un personaggio su misura per Haber ne “La vera vita di Antonio H.”.

Le commedie con Pieraccioni

Un attore mezzo ebreo e mezzo italiano su un palcoscenico spoglio racconta la sua vita grottesca tra illusioni e fallimenti che si susseguono in una messa in scena più teatrale che cinematografica. Ed è così che arriva finalmente per Haber il Nastro d’Argento come Miglior Attore Protagonista.

Successivamente fa parte del cast di diversi lavori di Pieraccioni: “I laureati” del 1995, “Il ciclone” del 1996, “Fuochi d’artificio” del 1997 e “Il paradiso all’improvviso” del 2003. Ha una parte nel film di Placido su Sibilla Aleramo e Dino Campana “Un viaggio chiamato amore” del 2002. L’anno dopo debutta con successo alla regia con “Scacco pazzo”. Dedicato all’indimenticabile Nanni Loy, è la storia di due fratelli traumatizzati dalla morte dei genitori a causa dell’incidente automobilistico provocato da uno dei due. Il rapporto malato dei due sarà messo in discussione dall’arrivo di una donna.

Alessandro Haber, artista versatile e trasversale

Nel 2004, l’attore non poteva non essere ne “La rivincita di Natale” di Avati, in un’opera venata dalla malinconia per il tempo che passa. Poi è sempre più impegnato con il teatro e con piccoli film di nicchia. Tra questi spicca la produzione indipendente di “Shooting Silvio” del 2007 dell’esordiente Berardo Carboni, storia di un manager ossessionato da Berlusconi, che sogna di uccidere. Meno alternativo il film “Albakiara” (2008) di Stefano Salvati liberamente ispirato dall’omonima canzone di Vasco Rossi e stroncato dalla critica. Nel 2009 è inoltre diretto da Stefania Sandrelli, per la prima volta dietro la macchina da presa con "Christine Cristina".

Nel 2011 è nel cast di due diverse pellicole: “Un giorno della vita” di Giuseppe Papasso in cui veste i panni di un giornalista e “Il villaggio di cartone”, pellicola sulla religione e la fede di Ermanno Olmi. Nel 2013 invece recita in “Foibe”, una produzione statunitense in memoria del massacro delle foibe, in cui interpreta il ruolo di un capo partigiano.

Nel 2013 è in “L'ultima ruota del carro” film di Giovanni Veronesi, con protagonista Elio Germano, basato sulla vita di Ernesto Fioretti;  l’anno successivo in “Vittima degli eventi”, film basato sul fumetto italiano Dylan Dog, scritto da Luca Vecchi e diretto da Claudio Di Biagio.

Tra le varie cose, Haber si è anche cimentato nella musica pubblicando ben tre cd con discreto successo.

Ivana Faranda

Alessandro Haber Filmografia - Cinema

Alessandro Haber Filmografia

Alessandro Haber con Elio Germano in "L'ultima ruota del carro"

 

  • La Cina è vicina, regia di Marco Bellocchio (1967)
  • La prova generale, regia di Romano Scavolini (1968)
  • Giovinezza, giovinezza, regia di Franco Rossi (1969)
  • Fuoricampo, regia di Peter Del Monte (1969)
  • Sotto il segno dello scorpione, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1969)
  • Corbari, regia di Valentino Orsini (1970)
  • Il conformista, regia di Bernardo Bertolucci (1970)
  • L'amante dell'orsa maggiore, regia di Valentino Orsini (1972)
  • Chi l'ha vista morire?, regia di Aldo Lado (1972)
  • ...E di Saul e dei sicari sulle vie di Damasco, regia di Gianni Toti (1973)
  • Brigitte, Laura, Ursula, Monica, Raquel, Litz, Florinda, Barbara, Claudia, e Sofia le chiamo tutte... anima mia, regia di Mauro Ivaldi (1974)
  • Cagliostro, regia di Daniele Pettinari (1974)
  • Il tempo dell'inizio, regia di Luigi Di Gianni (1974)
  • Mondo candido, regia di Gualtiero Jacopetti e Franco Prosperi (1975)
    Quanto è bello lu murire acciso, regia di Ennio Lorenzini (1975)
  • Marcia trionfale, regia di Marco Bellocchio (1976)
  • Maria R. e gli angeli del Trastevere, regia di Elfriede Gaeng (1976)
  • Come una rosa al naso, regia di Franco Rossi (1976)
  • La verginella, regia di Mario Sequi (1976)
  • Per questa notte, regia di Carlo Di Carlo (1977)
  • Goodbye & Amen, regia di Damiano Damiani (1977)
  • Duri a morire, regia di Joe D'Amato (1979)
  • Piso pisello, regia di Peter Del Monte (1981)
  • Sogni d'oro, regia di Nanni Moretti (1981)
  • Bollenti spiriti, regia di Giorgio Capitani (1981)
  • Sogni mostruosamente proibiti, regia di Neni Parenti (1982)
  • Ehrengard, regia di Emidio Greco (1982)
  • Amici miei - Atto II°, regia di Mario Monicelli (1982)
  • Flirt, regia di Roberto Russo (1983)
  • Sogno di una notte d'estate, regia di Gabriele Salvatores (1983)
  • Il quartetto Basileus, regia di Fabio Carpi (1983)
  • Fantozzi subisce ancora, regia di Neni Parenti (1983)
  • Mamma Ebe, regia di Carlo Lizzani (1985)
  • Le due vite di Mattia Pascal, regia di Mario Monicelli (1985)
  • Anche lei fumava il sigaro, regia di Alessandro Di Robilant (1985)
  • Grandi magazzini, regia di Franco Castellano e Giuseppe Moccia (1986)
  • Regalo di Natale, regia di Pupi Avati (1986)
  • La donna del traghetto, regia di Amedeo Fago (1986)
  • Sogni adolescenziali in un villaggio ticinese, regia di Villi Hermann (1986)
  • Com'è dura l'avventura, regia di Flavio Mogherini (1987)
  • Un uomo sotto tiro, regia di Elie Chouraqui (1987)
  • Tommaso Blu, regia di Florian Furtwängler (1987)
  • Da grande, regia di Franco Amurri (1987)
  • Il mistero del panino assassino, regia di Giancarlo Soldi (Video) (1987)
  • Sposi, regia di Antonio Avati, Pupi Avati, Cesare Bastelli, Felice Farina, Luciano Manuzzi (1987)
  • Arrivederci e grazie, regia di Giorgio Capitani (1988)
  • Il volpone, regia di Maurizio Ponzi (1988)
  • Willy Signori e vengo da lontano, regia di Francesco Nuti (1989)
  • In coda della coda, regia di Maurizio Zaccaro (1989)
  • Storia di ragazzi e di ragazze, regia di Pupi Avati (1989)
  • Dicembre, regia di Antonio Monda (1990)
  • Basta! Adesso tocca a noi, regia di Luciano Emmer (1990)
  • Stiamo attraverso un brutto periodo, regia di Rodolfo Roberti (1990)
  • Les secrets professionels du Dr. Apfelglück, regia di Alessandro Capone, Stéphane Clavier, Mathias Ledoux, Thierry Lhermitte e Hervé Palud (1991)
  • Mezzaestate, regia di Daniele Costantini (1991)
  • Vietato ai minori, regia di Maurizio Ponzi (1992)
  • Parenti serpenti, regia di Mario Monicelli (1992)
  • Pacco, doppio pacco e contropaccotto, regia di Nanni Lot (1993)
  • Per amore, solo per amore, regia di Giovanni Veronesi (1993)
  • No mamma no, regia di Cecilia Calvi (cortometraggio) (1993)
  • 80 mq, regia di Cecilia Calvi, Ignazio Agosta, Dido Castelli, Luca D'Ascanio, Luca Manfredi (1993)
  • Prestazione straordinaria, regia di Sergio Rubini (1994)
  • Anime fiammeggianti, regia di Davide Ferrario (1994)
  • DeGenerazione, registi vari (1994)
  • La vera vita di Antonio H., regia di Enzo Monteleone (1994)
  • Palla di neve, regia di Maurizio Nichetti (1995)
  • Carogne, regia di Enrico Caria (1995)
  • Fino all'ultima freccetta (cortometraggio) (1995)
  • I laureati, regia di Leonardo Pieraccioni (1995)
  • Uomini uomini uomini, regia di Christian De Sica (1995)
  • Il ciclone, regia di Leonardo Pieraccioni (1996)
  • Ritorno a casa Gori, regia di Alessandro Benvenuti (1996)
  • Il cielo è sempre più blu, regia di Antonello Grimaldi (1996)
  • Cervellini fritti impanati, regia di Maurizio Zaccaro (1996)
  • Fuochi d'artificio, regia di Leonardo Pieraccioni (1997)
  • Tonka, regia di Jean-Hugues Anglade (1997)
  • L'ultimo capodanno, regia di Marco Risi (1998)
  • Indice di frequenza, regia di Manlio Castagna e Gianfranco Martana, (Cortometraggio) (1998)
  • Simpatici & antipatici, regia di Christian De Sica (1998)
  • Le ali di Katja, regia di Lars Hesselholdt (1999)
  • Ormai è fatta!, regia di Enzo Monteleone (1999)
  • Panni sporchi, regia di Mario Monicelli (1999)
  • L'ultimo mundial, regia di Antonella Ponziani e Tonino Zangardi (1999)
  • 16 e 45 (1999)
  • La mia mano destra, regia di Chantal Ughi (cortometraggio) (1999)
  • Giorni dispari, regia di Dominick Tambasco (2000)
  • L'ultima questione, regia di Corrado Franco (cortometraggio) (2000)
  • Un viaggio chiamato amore, regia di Michele Placido (2002)
  • Scacco pazzo, regia di Alessandro Haber (2003)
  • La vita come viene, regia di Stefano Incerti (2003)
  • Il paradiso all'improvviso, regia di Leonardo Pieraccioni (2003)
  • La rivincita di Natale, regia di Pupi Avati (2004)
  • Raul - Diritto di uccidere, regia di Andrea Bolognini (2005)
  • Le rose del deserto, regia di Mario Monicelli (2006)
  • Ma l'amore... sì!, regia di Marco Costa e Tonino Zangardi (2006)
  • La sconosciuta, regia di Giuseppe Tornatore (2006)
  • Shooting Silvio, regia di regia di Berardo Carboni, Carlo Durante, Daniele Malavolta, Federico Rosati  (2006)
  • Progetto Fiorenza, regia di Alessio Jim Della Valle (cortometraggio) (2006)
  • Ripopolare la reggia (Peopling the Palaces at Venaria Reale), regia di Peter Greenaway (2007)
  • Appena giovani, regia di Tommaso Agnese (cortometraggio) (2007)
  • 7 km da Gerusalemme, regia di Claudio Malaponti (2007)
  • Amici all'italiana, regia di Nicola Guaglianone (cortometraggio) (2007)
  • L'oro rosso, regia di Cesare Fragnelli (cortometraggio) (2007)
  • Albakiara, regia di Stefano Salvati (2008)
  • Un amore di Gide, regia di Diego Ronsisvalle (2008)
  • L'amore non basta, regia di Stefano Chiantini (2008)
  • Quell'estate, regia di Guendalina Zampagni (2008)
  • Sandrine nella pioggia, regia di Tonino Zangardi (2008)
  • Una notte blu cobalto, regia di Daniele Cangemi (2009)
  • Vola Vola, regia di Berardo Carboni, (Voce) (2009)
  • Quando dico no è no!, regia di  Francesco D'Ignazio e Cristian Marazziti, (Cortometraggio) (2009)
  • Christine Christina, regia di Stefania Sandrelli (2010)
  • Vorrei vederti ballare, di Nicola Deorsola (2010)
  • Il Signor H, regia di regia di Mirko Dilorenzo (cortometraggio) (2010)
  • Un giorno della vita, regia di Giuseppe Papasso (2011)
  • Il regista del mondo, regia di Carlo Fumo (cortometraggio) (2011)
  • Il villaggio di cartone, regia di Ermanno Olmi (2011)
  • Il cuore grande delle ragazze, regia di Pupi Avati (Voce) (2011)
  • Il fidanzamento di mia madre, regia di Gaia Gorrini (cortometraggio) (2011)
  • Day One, regia di Andrea W. Castellanza (cortometraggio) (2012)
  • Uno al giorno, regia di Mimmo Calopresti (cortometraggio) (2012)
  • Something Good, regia di Luca Barbareschi (2013)
  • L'ultima ruota del carro, regia di Giovanni Veronesi (2013)
  • Figli di Maam, regia di Paolo Consorti (2014)
  • Vittima degli eventi, regia di Claudio Di Biagio (2014)
  • Memorie di un viaggiatore - cortometraggio (2015)
  • Il profumo delle stelle, regia di Francesco Felli - cortometraggio (2016)

Alessandro Haber Filmografia - Televisione

  • Eneide - sceneggiato TV (1971) - Rai 1
  • Il giovane Garibaldi (1974) - Rai 1
  • L'assassinio di Federico Garcia Lorca (1976)
  • Alle origini della mafia - serie TV, 1 episodio (1977) - Rai 1
  • Ligabue - miniserie TV (1977) - Rai 1
  • Uova fatali - sceneggiato TV (1977)
  • I problemi di Don Isidro Parodi (1978)
  • La commediante veneziana (1979) - Rai 1
  • Vita di Antonio Gramsci (1981) - Rai 2
  • Il caso Graziosi (1981) - Rai 2
  • Greggio e pericoloso (1981) - Rai 2
  • Bebawi: Il delitto di via Lazio (1983) - Rai 2
  • Flipper - miniserie TV (1983) - Rai 2
  • Le ambizioni sbagliate (1983) - Rai 2
  • Allô Béatrice - serie TV, 1 episodio (1984)
  • I ragazzi della valle misteriosa (1984)
  • Murder of a Moderate Man (1985)
  • Olga e i suoi figli (1985) - Rai 2
  • Cinque storie inquietanti - serie TV, 1 episodio (1987) - Rai 2
  • Piazza Navona - miniserie TV, 1 episodio (1988)
  • Chiara e gli altri - serie TV (1989-1991) - Italia 1
  • Un cane sciolto 2 (1991) - Rai 1
  • 80mq - serie TV, 1 episodio (1993)
  • A che punto è la notte - miniserie TV (1994) - Rai 2
  • Camera Café - serie TV, 1 episodio (2003) - Italia 1
  • Tigri di carta (2008)
  • I Cesaroni - serie TV, 1 episodio (2009) - Canale 5
  • Prima della felicità, regia di Bruno Gaburro, (Film TV) (2010)
  • Il sogno del maratoneta - Miniserie TV (2012) - Rai Uno
  • Nero Wolfe, (Serie TV 1 episodio) (2012)
  • Il commissario Montalbano (serie TV, episodio: Un covo di vipere) (2017) - Rai Uno

Alessandro Haber Filmografia - Regista

  • Scacco pazzo, (2003)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *