Ecodelcinema

40 sono i nuovi 20

40 sono i nuovi 20 - Recensione: l'importanza di sentirsi a casa

Alice Kinney è una neo quarantenne che, appena separata dal marito, va a vivere nella casa del padre con le sue due figlie. Nuovamente single, cerca di mettersi in gioco iniziando a lavorare come arredatrice per una boriosa donna che ha un'enorme casa.

Quando tutto le sembra irreparabile, la notte del suo compleanno conosce tre ragazzi che si trovano a Los Angeles per lanciarsi nella carriera cinematografica. A fare colpo su Alice è Harry, un'aspirante regista con una quindicina di anni in meno di lei.

"40 sono i nuovi 20" non è, come si può pensare da questo titolo, la classica commedia romantica incentrata sul lieto fine di una coppia, ma molto di più. Durante il film, il personaggio di Alice affronta un viaggio interiore che molte persone di quarant'anni si trovano a intraprendere. L'indecisione sul proprio futuro non c'è solamente a vent'anni, ma può esserci anche dopo, dopotutto la vita stessa è fatta di incertezze.

40 sono i nuovi venti: il vero significato di 'casa'

"Home Again" è il titolo originale di questo film, sarebbe stato di certo più appropriato e avrebbe evitato di comunicare il messaggio sbagliato a priori. Qui non si tratta di essere adulti e sentirsi una ragazzina, fare cose infantili per tirarsi su di morale o persino stare tutta la notte fuori come farebbe un'adolescente; si tratta di ritrovare se stessi e riuscire a sentirsi a proprio agio con le persone che si ha accanto.

Reese Witherspoon non appena ha letto la sceneggiatura di "40 sono i nuovi 20" ha subito accettato la parte senza troppe esitazioni e ha fatto più che bene. La pellicola parla di una donna forte, pronta a rimettersi in gioco e ad affrontare tutte le cose che la possono frenare.

Insomma, Alice Kinney ha raggiunto il traguardo che tutti possono raggiungere con la giusta dose di impegno e il giusto aiuto da parte delle persone amate.

Alessio Camperlingo

  • Titolo originale: Home Again
  • Regia: Hallie Meyers-Shyer
  • Cast:  Reese Witherspoon, Lake Bell, Michael Sheen, Robb Derringer, Candice Bergen, Nat Wolff, Reid Scott, Lola Flanery, Michael Cyril Creighton, Shi Ne Nielson, Pico Alexander, P.J. Byrne, Alex Alcheh
  • Genere: Commedia, colore
  • Durata: 97 minuti
  • Produzione: USA, 2017
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Data di uscita: giovedì 12 ottobre 2017

Dopo essere appena stata lasciata dal marito alla soglia dei suoi quarant’anni, una donna in cerca di una seconda occasione e di una nuova vita, decide di tentare la sorte con l’idea che 40 sono i nuovi 20.

La bella quarantenne Alice Kinney (Reese Witherspoon) incontra, durante la sua festa di compleanno in un locale, un ragazzo molto più giovane di lei che le farà provare sensazioni che credeva ormai dimenticate. Lui e i suoi due amici sono tre aspiranti filmakers in cerca di un posto dove vivere e produrre la loro arte. Lei, decoratrice d'interni, ha da poco rimesso a nuovo la sua casa a Los Angeles, con l'intenzione di andarci ad abitare insieme alle due figlie e ricominciare la sua nuova vita da madre single. L'appartamento, però, sembra stimolare anche i tre giovani artisti: Harry (Pico Alexander) a realizzare buone inquadrature, Teddy (Nat Wolff) a scrivere copioni e George (Jon Rudnitsky) a provare con più leggerezza d'animo; inoltre la vicinanza a Hollywood aumenta la speranza nella possibilità di riuscita.

La convivenza si complicherà quando un giorno l'ex marito di Alice, Austen (Michael Sheen), si presenta alla sua porta chiedendole di tornare insieme. Alice si ritrova a dover scegliere fra la famiglia tradizionale che ha sempre voluto e una nuova storia d’amore travolgente e passionale.

40 sono i nuovi 20: una commedia sull’amore e l’amicizia

Reese Witherspoon, premio Oscar come Miglior Attrice nel 2006 per “Quando l'amore brucia l'anima - Walk the Line”, è la protagonista di questa esilarante commedia su un’età difficile da gestire, i 40 anni, e su come affrontare la vita quando tutto sembra perso.Il film è diretto da Hallie Meyers-Shyer, una delle interpreti de “Il padre della sposa”, ed è prodotto da Nancy Meyers, regista e produttrice di successi come il divertentissimo “L'amore non va in vacanza”, “È complicato”, “Tutto può succedere” e “Lo stagista inaspettato”.